Banca UniCredit violati dati di 3 milioni di utenti

Privacy diritto alla protezione dati personali

UNICREDIT VIOLATI DATI PERSONALI DI 3 MILIONI DI UTENTI

Unicredit ha reso noto che nel 2015 è stata oggetto di un'intrusione informatica che ha riguardato i dati di quasi 3 milioni di clienti. Il team di sicurezza informatica dell'istrituto ha identificato un caso di accesso non autorizzato a dati relativo a un file generato nel 2015 che conteneva circa 3 milioni di records di nomi, città, numeri di telefono ed e-mail. L'istiuto sta  contattando, esclusivamente tramite posta tradizionale e/o notifiche via online banking, tutte le persone potenzialmente interessate.

Nell'accesso non autorizzato "non sono stati compromessi altri dati personali, come coordinate bancarie o conti correnti. UniCredit ha immediatamente avviato un'indagine interna e ha informato tutte le Autorità competenti, Polizia Postale e Garante Privacy e gli utenti direttamente interessati.

Gli hacker che hanno attaccato Unicredit, riferiscono fonti investigatve qualificate all'Ansa, sarebbero riusciti a "penetrare e bucare" parte del database del gruppo bancario e a spostare i dati trafugati sul Darkweb. Non sono ancora del tutto chiari i contorni dell'intera vicenda, sulla quale si sta indagando con la massima attenzione.

Alla scoperta della manomissione del database, si sarebbe arrivati nel momento in cui è arrivata ad Unicredit la segnalazione della presenza dei dati trafugati sul darkweb. Si sta ora cercando di capire se oltre ai dati trafugati di cui si è a conoscenza, gli hacker abbiamo sottratto altro.

FONTE La Repubblica

Consigliamo per una corretta Policy di Priivacy di protezione dati le seguenti Misure di Sicurezza:

- Non rispondere MAI ad email di Phishing, raramente la Banca chiede dati via email, ne cliccare su link o aprire file in allegato;
- Tenere sempre aggiornati Pc, Antivirus, Device, ipad, iphone e le relative App;
- Attivare le notifiche tramite email o sms di accesso al conto corrente e per le nuove operazioni effettuate;
- Attivare la doppia protezione di accesso al conto con numero di telefono;
- Tenere in un luogo sicuro le proprie credenziali passwords e provvedere al loro cambiamento ogni tre mesi.

Potrebbe interessare



CORSO ONLINE DI CYBER SECURITY SICUREZZA INFORMATICA
(clicca qui)