Privacy e Cassazione Lo Spamming non è Reato

Privacy GDPR Regolamento Europeo 2016/679

CASSAZIONE - LO SPAMMING NON E' REATO

La Cassazione ha assolto un Avvocato per invio massivo di email decidendo che non è reato lo spamming, cioè l'invio massivo di posta elettronica per farsi pubblicità, ad esempio a una mailing list di addetti ai lavori. E ciò perché il trattamento illecito di dati è rilevabile e si configura soltanto se l'interessato subisce un danno / nocumento, anche dopo le modifiche apportate al codice privacy per l'entrata in vigore di Gdpr.
Il danno richiesto dalla legge non può essere soltanto il fastidio di dover cancellare le mail indesiderate, per quanto il relativo invio sia illegittimo: si configura tuttavia quando il mittente non elimina dalla mailing list i dati dell'utente che ha segnalato di non voler più ricevere email.

Potrebbe interessare



Newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere aggiornamenti normativi e promozioni dei nostri corsi online